• Instagram di Doctor Phone
  • Pagina Facebook Doctor Phone
  • Pagina Google Doctor Phone

© 2015 Doctor Phone  P.Iva 03574870246  Tel. 0445-221967 (Thiene) Tel 0445-223901 (Valdagno)

Microsoft: i tablet e i social “spengono” il cervello. La nostra attenzione è pari a quella dei pesci rossi

May 2, 2016

 

La nostra capacità di attenzione sarebbe minore di quella di un pesce rosso, animale che da sempre è emblema di scarsa memoria. Ad annunciarlo è uno studio condotto da Microsoft inCanada, secondo il quale l’uso eccessivo e simultaneo di dispositivi elettronici come smartphone e tablet ha abbassato la nostra soglia di attenzione ad appena otto secondi, uno in meno rispetto a quella dei pesci rossi.

Le ricerche sono state effettuate su un campione di duemila intervistati e centododici soggetti canadesi che si sono sottoposti spontaneamente all’elettroencefalogramma. Il risultato è stato scioccante: in quindici anni il tempo medio di concentrazione dell’essere umano è sceso di quattro secondi, passando dai dodici del 2000 a i quattro del 2015.

A causare questa brusca diminuzione sarebbe stata proprio l’abitudine al “multitasking” e, soprattutto, la dipendenza dai social network, che ci ha portato a passare da un’informazione all’altra talmente velocemente da non consentirci la giusta concentrazione.

Ma perché siamo sempre più schiavi del web? Secondo i ricercatori dipenderebbe dal cervello, che una volta “alimentato” con determinati stimoli, ne diventa succube, quasi fosse una droga. Questo ci porta a stare sempre “attaccati” ai nostri smartphone, persino prima di andare a dormire. Tuttavia, questa dipendenza non comporta soltanto cattive conseguenze: l’essere “multitasking”, infatti, ci consente di pensare e di fare più cose nello stesso momento, permettendo inoltre di riuscire acatalogare e selezionare le informazioni in maniera più veloce rispetto al passato.

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

March 1, 2017

March 1, 2017

November 19, 2016

Please reload

Archivio